Migliore connessione - Migliore salute

Il rapido aumento del traffico di dati digitali significa che siamo sempre più esposti alle radiazioni dei telefoni cellulari (radiazioni non ionizzanti) 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Non possiamo sfuggire da nessuna parte, né negli spazi pubblici, né al lavoro, né nelle nostre case - spesso nemmeno per l'importantissimo riposo notturno. L'obiettivo dell'iniziativa SaferPhone è di ridurre l'esposizione generale dell'uomo, degli animali e dell'ambiente ai NIR.

In vista di un raddoppio della quantità di dati trasmessi digitalmente ogni 18 mesi, è consigliabile affidarsi a connessioni in fibra ottica ad alte prestazioni e ridurre la radio. La stragrande maggioranza della cosiddetta comunicazione mobile avviene in modo stazionario da dentro casa. Quindi che senso ha connettersi tramite un'antenna che si trova all'esterno? È come dover illuminare la nostra casa con un lampione.

Le conseguenze per la salute non sono menzionate o minimizzate nella discussione pubblica - come è avvenuto in passato con il fumo e l'amianto o più recentemente con i pesticidi. Ma lo stesso dovrebbe valere per le radiazioni non ionizzanti (NIR) come per altri impatti nocivi sulla salute e sull'ambiente. Inoltre, in vista dell'introduzione del 5G, è giunto il momento di garantire comunicazioni mobili più dolci.

«Se le radiazioni delle antenne di telefonia mobile non penetrassero più nelle pareti dei nostri appartamenti, Internet e la telefonia sarebbero più rispettose della salute e dell'ambiente»

Thomas Hardegger. Ex Consigliere nazionale. Membro del comitato d’iniziativa.

Attuale

12.05.2022 a Attuale

Sondaggio Comparis: il 41,7% è contrario a una rapida diffusione della rete 5G

Continua a leggere
27.04.2022 a Attuale

Perché dobbiamo proteggerci dalle radiazioni della telefonie mobile

Continua a leggere
20.04.2022 a Attuale

Il Consiglio federale pubblica un rapporto sulla telefonia mobile

Continua a leggere

«Abbiamo bisogno di comunicazioni mobili compatibili per proteggere il nostro spazio vitale.»

Marcel Hofmann. Membro del comitato d’iniziativa. MSEE (Master of Science in Electrical Engineering)

Vogliamo

Comunicazione innovativa con più fibre ottiche e meno radiazioni
Protezione dell'essere umano degli animali e della natura, dalle radiazioni di telefonia mobile e altre forme di elettrosmog
Applicazioni a basse radiazioni per casa, lavoro e scuola
Riposo e sonno sano nel proprio spazio vitale

Non vogliamo

Stress sui nervi e sul sistema immunitario attraverso onde radio e altre forme di elettrosmog
Radiazioni forzate a casa, al lavoro, a scuola, negli ospedali e nei mezzi di trasporto
Aumento dei valori limite dovuto all'espansione della telefonia mobile secondo un concetto obsoleto
Utilizzo di tecnologie senza informazione sui rischi sanitari

Utilizziamo cookie e tecnologie di tracciamento in conformità con la nostra dichiarazione sulla protezione dei dati al fine di offrirti la migliore esperienza web. Alla politica sulla privacy